Tutti gli articoli di Giuseppe Ferlito

” CREDIAMOCI “

84098283_2694791093934373_5219374438557941760_o

Carissimo Beppino, prima di tutto rispondo al tuo post ” Sportivi e realisti prima che tifosi e complottisti “. Hai ragione sono sicuro che non c’è nessuno complotto nei confronti del Trapani Calcio,  gli errori pro e contro si devono contare alla fine del campionato e come sempre quasi sempre si equivalgono. I problemi purtroppo sono altri che vanno ricercati non nella squadra, allenatore e staff, ma in altre direzioni. Ieri sera i nostri ragazzi Granata e Mister Castori hanno fatto una cosa egregia, hanno vinto con la prima in classifica e già promossa in serie A, giocando con intelligenza e voglia di vincere. Non meritiamo la retrocessione i nostri ragazzi sono da elogiare e portati da esempio. Ci aspettano ancora 4 finali, noi tifosi saremo vicini alla nostra squadra anche se purtroppo d’avanti alla TV. E se  il 31 luglio sarà come spero ardentemente, allora potremo di orgogliosamente ” dire EVVVAAAAIIII

” Antipasto Trapanisi “

IMG_20200705_203344Picciotti, questa volta anzicchè parlare dei problemi del nostro Trapani, del nostro Club, vi faccio venire un pò di acquolina in bocca, ieri sera ho fatto un bel antipasto alla trapanese, come potete vedere manca il pecorino ( tumazzo ), è arrivato dopo la foto, seduto con Beatrice in terrazzo, con la bellissima visuale del mare e di monte cofano, mi sono proprio arricriato, sul tavolo caponata, pipareddi abbuttunati e alivi scacciati, Che meraviglia. Questa mattina San Vito, come al solito mare stupendo, tornati a casa, Spaghetti con i ricci. Vi terrò informati.

Forza TRAPANIIIIIIIIIIIIII

” Ciao Aristide ”

Ho conosciuto Aristide Zucchinali grazie all’amico Nicola Rinaudo in una di quelle trasferte nei campi di calcio del Nord. Una persona simpatica alla mano e subito pronto ad offrirti la sua amicizia. Durante qualche partita, seduto vicino a lui, lo vedevo fremere e incazzarsi con giocatori e allenatore, sembrava quasi che volesse scendere in campo per far vedere cosa significasse lottare e dare il massimo. Molto gioiosa e simpatica la cena con la sua famiglia a casa della figlia, in quella occasione dopo aver gustato un ottimo coniglio con polenta (ricordi Beppino?) e diversi salumi e formaggi abbiamo concluso la cena con un bel vassoio di cannoli per avere sul tavolo anche un pò di Trapani, citta molto amata da Aristide dove ogni tanto tornava per rivedere amici e posti rimasti nel suo cuore. Purtroppo adesso ci ha lasciati ma da lassù inizierà un nuovo campionato e continuerà ad essere sempre il migliore.

CIAO ARISTIDE