Grandi giocatori, pessima società !

108685484_3088809407865871_215597125890745427_o

  Mai avrei immaginato di non voler andare a vedere il mio Trapani a Verona. Ho affrontato trasferte, ho rinunciato a momenti con la famiglia ma quando potevo vedere quei colori granata, le distanze si accorciavano perché a battere era il cuore ed il cuore non ha limiti.

Ieri il Trapani ha giocato a qualche centinaio di metri da casa mia, come giornalista avrei avuto l’opportunità di andarli a vedere anche se una partita di calcio in era Covid non ha nulla a che vedere con lo sport e lo spettacolo.

So che tanti trapanesi non capiranno il perchè di una scelta che può apparire assurda e per certi versi lo è ma sinceramente mi sento preso per il …fondelli dalla società Trapani Calcio e non da ieri o da qualche mese fa ma da qualche anno, esattamente da quando , dopo quel famoso giro di campo del comandante Morace e dell’allora sindaco Fazio, accadde quel che accadde e da allora hanno cominciato a dirci tutto e l’opposto di tutto, ad illuderci come il cocchiere che trasportava Lucignolo e Pinocchio nel paese dei balocchi o peggio ancora, il Gatto e la Volpe !

Da quel giorno, lo voglia dire o meno, lo si accetti o no, è finito il Trapani Calcio, quello più bello, quello della notte magica a San Siro e poi quello che la serie A avrebbe ampiamente meritato.

Da allora è stato solo un continuo prendere in giro città e tifosi.

Senza entrare nel merito delle vergognose vicende che tutti conosciamo, se una squadra è costretta a vedere alcuni tifosi dove addirittura schiaffeggiare un dirigente, se occorrono toni alti nei pressi di uno studio notarile, ciò vuol dire solo che ci stanno sistematicamente e dettagliatamente prendendo in giro e continueranno a farlo perché sanno che i trapanesi al massimo ci restano male. La nostra atavica apatia li rende forti, li rende senza paura. Fanno quello che vogliono !

Non dimentichiamo che la presa in giro continuò anche all’inizio del passato campionato in C quando solo un ritardo dell’avvio della stagione permise di recuperare il divario. Sul verde del Provinciale erano talmente in pochi i giocatori che avrebbero potuto giocare a calcetto con una o due riserve. E la fortuna che accompagnò chi dirigeva allora la società ebbe i nomi di Stefano Firicano e soprattutto di un meraviglioso allenatore: Vincenzo Italiano. Con quella ciurma di ragazzi dalle grandi capacità inespresse e dalla volontà di farcela, mister Italiano regalò una promozione insperata e per certi versi storica. Se la prima storica del 2013 allo Zini di Cremona era la logica conseguenza di un percorso in crescita, quella del 2019 ebbe del miracoloso e se anziché un manipolo di personaggi d’avanspettacolo, avessimo avuto gente capace e volenterosa, Vincenzo Italiano nella sua Trapani sarebbe rimasto con tutto il cuore.

Non abbiamo potuto neppure goderci il ritorno un B che tra denunce, minacce e altri indegni spettacoli, abbiamo cominciato il campionato con un allenatore assolutamente inadeguato alla categoria e del quale per salutarlo, abbiamo dovuto aspettare che si sprofondasse nel baratro.

Grazie a mister Castori, la squadra ha cominciato non solo a giocare ma a convincersi delle proprie capacità e questi eroici ragazzi stanno dimostrando i veri valori dello sport, il calcio più vero, quasi quello dei campetti di periferia dove ogni risultato è possibile.

Non so se il mio Trapani riuscirà a salvarsi ma per me i giocatori la promozione l’hanno raggiunta, la promozione nella Champions dei valori.

Una promozione che non meritano quei personaggi che come in un valzer si avvicendano  nei posti di potere della società. Senza di loro non ci saremmo iscritti alla B? Forse ma è stato un campionato che noi trapanesi meritavamo?  Ci siamo goduti uesta B o è stato solo un calvario sin dalla prima giornata ? Avrei preferito ripartire dalla D ma con una società seria e non con chi paga gli stipendi dopo le tassative scadenze e grida allo scandalo, sbagliando sapendo di aver sbagliato.

Questa società non merita quei giocatori, non merita i tifosi trapanesi e la colpa è anche dei giornalisti locali che potrebbero aver le palle per non dir sempre di “si” , cominciando a boicottare quelle assurde conferenze stampa di presentazione dei nuovi dirigenti di turno.

Non sono andato al Bentegodi per non vedere quelle facce in tribuna. Ho preferito andarmene nel meraviglioso e vicino lago di Garda anche se un amico mi aggiornava sulla partita. Non potendo star vicino ai ragazzi in campo a causa delle disposizioni sanitarie, non me la sono sentita di non poter sfiorare quei colori granata nel dopo-partita, di scambiare due parole con loro, con quei colori che appartengono a chi ama Trapani e non a chi ci sta prendendo per il culo ( questa volta lo scrivo ) da anni.

Il mio Trapani tornerà a Verona , spero senza quella gente che lo sta spremendo senza pietà !

Voi ve ne andrete con tutto il malloppo recuperato, noi resteremo trapanesi, se per voi è nulla, per noi è tutto !

Foto pubblicata dal Trapani Calcio

2 pensieri su “Grandi giocatori, pessima società !

  1. Concordo Beppino. Il mio cuore sarà sempre granata. Siamo tutte e due sulla stessa lunghezza d’onda. Gli errori fatti ad inizio stagione pesano come un macigno
    Società troppo chiacchierona e per nulla concreta. Una domanda spero dal profondo del cuore che la maglia granata vivrà sempre in qualunque categoria o nella nostra memoria

    1. Carissimo Beppino, ancora una volta venerdì sera i nostri ragazzi Granata hanno dimostrato di essere uomini e attaccati alla maglia. Il loro comportamento è stato lodevole, hanno giocato bene e ci hanno creduto fino alla fine, Castori ha ricostruito una squadra che si era persa, purtroppo la battaglia è dura e riuscire a tenere la categoria sarà difficile. Gli errori della società hanno contribuito a questa, speriamo no, fine non meritata. Come dico sempre, CREDIAMOCI, con la speranza, se si riesce a rimanere in B, che una nuova Società possa rilevare il Trapani e fare esplodere di gioia tutti noi tifosi. Forza Trapani in attesa , Lunedì, di un ulteriore passo avanti per, a questo punto, una meritata rimanenza in B.

Lascia un Commento